Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XXI.

L'incantatore di serpenti.

Quella savana tremante si estendeva verso il sud per un tratto immenso, fin presso il limite d’un’alta catena di montagne che si rizzava ad oriente.

Le acque di quella palude senza fondo erano nerastre, ma non tramandavano alcun odore sgradevole, non nascendo su quei pantani alcuna pianta palustre.

Un silenzio assoluto regnava su quella savana. Talvolta però, si udivano dei gorgoglìi sommessi e si vedevano emergere e sparire rapidamente dei grossi serpenti d’acqua.

— Badate di non cadere — disse Yaruri, nel momento che uscivano dal canale. — Chi s’immerge è uomo perduto.

— Quale rotta teniamo? — chiese don Raffaele.