Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La leggenda dell'Eldorado' 27

Invece di rispondere alla domanda, don Raffaele alzò il capo chiedendogli a bruciapelo:

— Velasco, avete mai udito parlare di Manoa?

Il dottore, a quel nome magico, sussultò.

— Di Manoa!... — esclamò. — Ecco un nome che fa battere il cuore a tutti gli uomini.

— E degli Eperomerii?

— E chi non conosce l’antica leggenda dell’Eldorado?

— Sapete la storia di quegli immensi tesori?

— Sì, don Raffaele: ma perchè tale domanda?

— Vi piacerebbe porre le mani su quei tesori?

— Se mi piacerebbe?... Non ho mai amato l’oro, ma... per Bacco!... Se si tratta del famoso Eldorado! Si può disprezzare la ricchezza, ma quei tesori dànno le vertigini, don Raffaele, e poi si tratterebbe di chiarire un’antica leggenda che ha occupato, per quasi quattro secoli, gli storici americani ed europei.

— Allora affrettatevi a cenare, poi ci racconterete quanto sapete sull’Eldorado.

— Posso narrarvelo anche assaggiando queste eccellenti costolette di lamantino.

Vuotò un bicchiere di vino di Spagna, poi fra un boccone e l’altro riprese:

— Questa leggenda dell’Eldorado rimonta alla di-