Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


La Stella Polare però, che camminava con una velocità di sette nodi all'ora, essendo validamente aiutata dal vento che soffiava dal sud-sud-ovest, non rimase a lungo in quei paraggi. Il grande fjord s'apriva dinanzi a essa, sgombro d'isole e senza pericoli e ne approfittava per guadagnare via.

A mezzodì essa si trovava già presso la strozzatura formata dall'isola Tjeldö e la penisola d'Ofoten da una parte e quella grande di Hindö.

Essa passò rapidamente dinanzi a Lolingen, piccola borgata che si trova presso la punta meridionale di Tjeldö e si cacciò risolutamente nello stretto canale sboccando nel Vaags-fjord, il quale si prolunga fra Hindö e le isole dipendenti da una parte e quelle di Roldö e di Andorfö dall'altra, fino a toccare quella più settentrionale di Senjen.

Anche colà splendide vedute si offrivano agli sguardi dei naviganti. Lungo le spiagge, specialmente entro le insenature, si vedevano apparire improvvisamente graziosi gruppetti di casettine di legno, alcune rosse col tetto grigiastro ed altre bianche col tetto d'un rosso brillante. A tutte le finestre si scorgevano candidissime tende e su tutti i davanzali vasi di fiori. È con vera passione che i norvegesi curano i loro fiori, facendo a gara a chi può avere i più belli ed i più odorosi.

Non ostante i freddi intensi dell'inverno, con mille cure riescono a preservarli dal gelo e non è raro trovare, anche nelle regioni più nordiche, splendidi garofani, gerani, rose thè e fucsie.

Bande di bambini biondi e rubicondi, con gli occhi d'un azzurro pallido, correvano attraverso le rocce o si trastullavano in fondo ai piccoli seni, montando i battelli dei loro padri o vegliavano alla stagionatura dei merluzzi esposti all'aria ed al sole in grandissimo numero.

Anche numerose barche da pesca si vedevano percorrere i canali, occupate a gettare delle lenze o delle reti lunghissime, essendo gli abitanti delle Lofoten abilissimi pescatori.

Superato lo stretto di Hindö, la Stella Polare sboccò nel Vaags-fjord il quale si prolunga fino alla grande isola di Senjen, bagnando ad oriente il dipartimento di Tromsö e ad occidente un gran numero di isole e di scogliere.