Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


mando di Cagni, si compone di dodici persone. Querini, Cavalli, le quattro guide, Cardenti, Canepa e tre norvegesi.

Tutti sono di buon umore e risoluti a spingersi verso il polo con una marcia rapida. I cani latrano giocondamente.

Gli addii sono commoventi. S. A. R. stringe vigorosamente la mano a tutti, rammentando loro che si tratta dell'onore italiano ed incitandoli a fare il loro dovere ed essere obbedienti al capo della spedizione.

Passa in rivista gli uomini, i cani e le slitte e dà, con voce commossa, il segnale della partenza.

Le fruste scoppiettano, i cani abbaiano e la carovana si mette in marcia fra gli urrah dei norvegesi che rimangono a guardia del campo e della Stella Polare.

Quel primo tentativo non doveva avere felice successo. Forse era ancora troppo rigido il clima per poterlo sfidare e per poter dormire sotto piccole tende appena riscaldate da lampade.

La spedizione non è ancora giunta all'altezza del capo Germania che scoppia un furioso uragano di neve. È una tormenta formidabile che non si può sfidare impunemente e che accieca e soffoca uomini e cani.

I termografi a minimo segnavano sui palks -52°, il che non provava che quella fosse la temperatura più bassa, poiché gli apparecchi non potevano indicare di più. Come resistere a simili temperature?...

Per maggior disgrazia i cani, che non sanno più trovare i passaggi migliori fra quel turbinìo di neve, spezzano le slitte contro le asperità dei ghiacci.

Il disastro è completo e la spedizione, impotente a reggere a quei freddi terribili, non ostante la sua energia ed il suo buon volere, si vede costretta, due giorni dopo la sua partenza, a ritornare all'accampamento da cui era partita così piena di speranze.

Quella decisione fu certamente saggia e probabilmente salvò la spedizione da una morte certa, poiché le burrasche di neve dopo quell'epoca si successero costantemente e con tanta furia da mettere in serio pericolo perfino gli accampati.

Vi fu anzi un giorno che la neve cadde in tanta copia da sep-