Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


In un baleno le quattro tende delle due finestre, fatte di ottima tela azzurra a ricami bianchi, furono levate, legate due a due e bene ritorte.

– A te, Miguel, che possiedi un fucile – disse Cordoba. – Guarda se vi sono sentinelle.

Il marinaio scavalcò il davanzale, si aggrappò a quella specie di gomena e si lasciò scivolare fino a terra.

Giunto abbasso armò il fucile preso ad uno dei due meticci e si allontanò di alcuni passi seguendo la cinta esterna del piccolo campo trincerato. Non scorgendo alcuna sentinella si affrettò a tornare sotto la finestra.

– Nessuno? – chiese Cordoba.

– No, tenente; potete scendere.

– Avanti i marinai.

I cinque camerati di Miguel scesero uno dopo l'altro, poi scese donna Dolores, quindi il cubano, lo spagnolo e ultimi Cordoba ed il capitano Carrill.

– Tre marinai dinanzi; gli altri alla retroguardia – comandò Cordoba.

Il drappello si mise subito in marcia, allontanandosi rapidamente dal piccolo campo trincerato per tema d'incontrare qualche sentinella.

L'oscurità favoriva la fuga. Essendovi dei vapori in alto, le stelle non proiettavano la loro luce che quantunque debole, permette sempre di distinguere qualche cosa anche ad una distanza non piccola. La luna poi non doveva alzarsi che molto tardi quella sera, quindi pel momento non vi era molto pericolo di poter venire scoperti.

Cordoba si orizzontò col villaggio che si trovava sulla sua sinistra e guidò il drappello verso il margine d'una piantagione di cacao che si estendeva verso le regioni centrali dell'isola.

Protetti dalla cupa ombra delle piante, i fuggiaschi potevano allontanarsi tranquillamente ed in caso d'un allarme nascondersi o porsi in salvo in mezzo ai boschi.

Erano però più che certi di poter giungere là ove doveva trovarsi la piccola baleniera senza venire disturbati, almeno per qualche ora. Il villaggio di San Felipe era oscuro e silenzioso e anche sotto le grandi tettoie del piccolo campo trincerato non si vedeva brillare alcun lume, segno evidente che abitanti ed insorti dormivano profondamente.

Percorso il margine della piantagione, Cordoba condusse il drappello verso il mare. Egli affrettava sempre più il passo, esortando la marchesa a fare degli sforzi, temendo che le sentinelle incaricate di surrogare quelle che vegliavano sui prigionieri, si accorgessero della scomparsa di tutti.

– Prima di un'ora bisogna giungere alla baleniera o noi correremo