Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 Capitolo terzo

spaventato qualsiasi marinaio che non avesse conosciuta la disposizione interna dell’yacht.

L’Yucatan affondava lentamente, con un leggero dondolìo come se avesse dovuto inabissarsi in causa di qualche improvvisa falla.

Donna Dolores, curva sul coronamento di poppa, guardava freddamente l’acqua che saliva gorgogliando. Quando la vide entrare dagli ombrinali e distendersi per la tolda, comandò:

— Chiudete le paratìe!

L’immersione tosto cessò.

L’Yucatan, spoglio di attrezzi come era e così affondato, sembrava un pontone o meglio un rottame qualunque abbandonato alle acque, quasi impossibile a distinguersi ad una certa distanza anche se avesse marciato a tutto vapore, poichè alle tante perfezioni introdotte dal signor del Castillo e dalla marchesa nella costruzione di quel meraviglioso yacht, ne avevano aggiunta un’altra ancor più sorprendente, quella cioè di aver soppresso completamente il fumo, adottando il sistema scoperto recentemente dall’ingegnere austriaco Fritz Mauer.

Quest’invenzione, già provata con splendido successo dal governo austro-ungarico e che ora si sta esperimentando anche in Inghilterra, è basata sul principio che un fuoco senza fumo può prodursi quando la porta del forno resta chiusa, quando il combustibile viene aggiunto in piccole quantità e quando si attizza il fuoco senza lasciar penetrare l’aria.

L’ingegnere Mauer ha potuto quindi ottenere tuttociò mediante un ingegnoso forno automatico, che alimenta il fuoco regolarmente, a poco a poco, lasciando entrare solamente l’aria bastante alla combustione del carbone.

La marchesa del Castillo, adottando quel nuovo forno aveva quindi tolto anche il pericolo di poter far scoprire il suo yacht a qualunque distanza, specialmente affondando in quel modo e soprattutto di notte.

— Credi che ci possano scorgere, Cordoba? — chiese donna Dolores al lupo di mare che l’aveva raggiunta.

— Siamo tanto bassi che saranno ben bravi se ci scopriranno. Bella invenzione quella dei serbatoi, che permettono di rendere una nave quasi invisibile e di corbellare il nemico. Il marchese del Castillo era un brav’uomo di mare che la sapeva assai lunga!...

— Purchè i proiettili non ci guastino le pompe, impedendoci di vuotare il serbatoio!...

— Speriamo che non succeda questo, donna Dolores.

— Vedi nulla al largo?...

— Nulla finora.

— Dove sarà andato a cacciarsi il Terror?...

— E l’altra nave colla quale corrispondeva?...

— Mi consigli di tenermi sotto la costa?...