Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Da vapore a veliero 35

possa riconoscere ancora il mio Yucatan? — chiese la marchesa, sorridendo.

— No in fede mia — rispose il lupo di mare. — Se io non avessi assistito alla trasformazione, vi giuro, donna Dolores, che mi crederei su di un’altra nave.

— Allora possiamo tentare il colpo.

— Con piena sicurezza.

— Non dimentichiamo che siamo a bordo del Colima di Vera Cruz e che io sono una milionaria messicana, con un po’ di sangue yankee nelle vene e che viaggio per divertimento.

— E che io sono il capitano Bob Kork, nativo di Pensacola — disse Cordoba, in purissimo inglese.

— Sì, amico Bob — disse la marchesa, ridendo. — Fa’ spiegare le rande e le controrande, mio caro capitano e mettiamo arditamente la prora verso il capo Catoche.

— Una parola, donna Dolores.

— Parla liberamente, Cordoba.

— E se gli americani venissero a bordo?

— Si accomodino — rispose la marchesa, con voce tranquilla. — Non sarò io che impedirò loro di venire.

— Ma voi sapete quale contrabbando di guerra abbiamo nella stiva e che noi siamo messicani e non già spagnoli.

— E vuoi concludere, Cordoba?

— Che se scoprono il carico verremo presi e fucilati.

— Lo so benissimo.

— Dunque, se giunti a bordo volessero procedere ad una visita?

— Eh, Cordoba, vecchio lupo!... Hai dimenticato che sono una donna!

— No, ma gli yankee, donna Dolores, sono gentili come gli orsi.

— Lo si vedrà — rispose la Capitana, con un sorriso inesplicabile. — La marchesa del Castillo ha delle risorse nei suoi occhi. D’altronde, se proprio volessero visitare il carico dell’yacht, tu sai Cordoba che sotto il quadro di poppa abbiamo due siluri.

— Gran Dio!... E cosa vorreste fare?

— Non siamo tutti votati alla morte?

— È vero, noi uomini, ma voi bella, giovane, ricca...

— È bello morire per la patria, Cordoba — rispose la marchesa, con un accento che fece fremere il lupo di mare. — Noi metteremo un marinaio nella mia cabina, ad un nostro segnale farà scattare la scintilla elettrica e noi, amico mio, salteremo tutti, assieme a quegli odiati yankee, al grido di «Viva la Spagna!».

— Fulmini! — esclamò Cordoba. — Voi sarete capace di questo, donna Dolores?

— Sì — rispose la Capitana, con voce risoluta. — Lo farò, te lo giuro.

— Ora che so di quanto siete capace, sono tranquillo — disse