Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 Capitolo quarto

— Vuoi che ci abbiano lanciate dietro dieci navi? Hanno più da guadagnare bloccando l’Avana che a perdere il loro tempo dietro a noi.

— Credo il contrario, donna Dolores. Gli yankee sanno che il maresciallo Blanco è a corto di munizioni e che non ha le armi sufficienti per organizzare tutti i volontari e perciò hanno tutto l’interesse d’impedire a noi di sbarcare il carico.

— Vedremo se sapranno impedirci di giungere presso le coste cubane.

— Non dubito che possiamo approdare; v’è però una cosa che m’inquieta.

— E quale?...

— Che gli spagnoli che attendono il carico alla baia di Corrientes siano stati costretti a ritirarsi... Non sappiamo, in queste ventiquattro ore, che cosa abbia tentato la squadra dell’ammiraglio Sampson.

— È vero, Cordoba — rispose la marchesa che era diventata meditabonda. — Gli americani possono, in questo frattempo, essere sbarcati su qualche punto dell’isola ed essersi congiunti coi ribelli capitanati da Masò.

— O da Pardo che si dice si trovi verso le coste occidentali di Cuba.

— Se ciò fosse avvenuto, che cosa mi consiglieresti di fare, amico?... Io non tornerò a Sisal, te lo giuro, se prima non avrò sbarcato il carico.

— Allora non ci rimarrebbe che di forzare il blocco e tentare di giungere all’Avana.

— Passando in mezzo alla squadra di Sampson?...

— Non ci rimarrebbe altra alternativa.

— Sarebbe un tentativo disperato.

— Lo so, donna Dolores, sarebbe un tentativo molto pericoloso che potrebbe costare la vita a tutti noi.

— Lo tenteremo, Cordoba — disse la Capitana, con accento risoluto. — Che bella emozione deve essere l’entrare in porto a tutto vapore, sotto il grandinare degli obici nemici e colla bandiera spagnola ondeggiante fieramente sul picco della randa!... Sì, amico mio, se a Corrientes non troveremo i messi del maresciallo, noi anderemo all’Avana.

— Purchè non ci arrestino prima — rispose Cordoba che da qualche istante guardava attentamente verso l’ovest. — Quanta ostinazione in quegli yankee!...

— Perchè dici questo?... — chiese la marchesa.

In quel momento, dall’alto della crocetta di maestra, si udì il gabbiere di guardia a gridare:

— Nave a vapore, a poppa!...

— Non mi ero ingannato — disse Cordoba. — Quel punto luminoso, a luce bianca, non si poteva confondere con una stella.