Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xiv — una storia d'orsi bianchi 113


– Avete ancora veduto tanti orsi radunati su di un banco di ghiaccio?

– Ordinariamente vivono isolati, o a due od a tre, ma in alto mare, ad una grande distanza dalle coste ne vidi parecchi raccolti su dei packs. Avendo l’abitudine d’imbarcarsi sugli ice-bergs, quando questi si sciolgono, si affrettano a raggiungere altri ghiacci e continuano così se ve ne sono. Sugli ultimi banchi si trovano allora riuniti in grosso numero.

– E quando si sciolgono anche gli ultimi ghiacci?

– Si annegano, se non trovano qualche isola o qualche costa rispose Tompson. Una volta ho pescato due orsi a duecento miglia dalle spiagge dell’isola Jan Mayen.

– Alcuni riescono a sbarcare anche sulle coste d’Europa?

– Sulla penisola di Kola, sulle spiagge del Mar Bianco e anche su quelle che si estendono fino al mar di Kara. Anche in Islanda ne sbarcano sovente, anzi nella mia gioventù mi è toccata un’avventura che mi fa ancora rizzare i capelli tutte le volte che mi torna alla memoria.

– Narrate, capitano, i nostri orsi sono ancora lontani.

– Mi trovavo sulle coste occidentali dell’Islanda. La nave che allora montavo in qualità di terz’ufficiale, avendo riportata una grave avaria in causa d’un urto contro un grande ice-berg, aveva dovuto poggiare nel golfo di Breda e chiedere soccorsi ad Asgasdur.

In cantiere doveva subìre delle lunghe riparazioni e non potendo riprendere il mare prima di tre settimane, avevo chiesto il permesso di recarmi a cacciare nei fiords del Shagestrand, dove mi avevano detto che le foche, le morse e gli eiders erano numerosi.