Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 i cacciatori di foche della baia di baffin


credettero di udire, in direzione del banco, una specie di ruggito.

– Oh! esclamò Charchot, alzandosi sollecitamente e afferrando il fucile che teneva appoggiato all’albero. Hai udito, Thorn?

– Sì, Charchot rispose il marinaio.

– Che vi siano degli orsi sul banco?

– Andiamo a vedere. Non bisogna lasciarli salire a bordo.

Afferrati i fucili, si accostarono silenziosamente alla murata di tribordo che prospettava sul pack e guardarono giù. L’oscurità era profonda, pure attraverso alla nebbia che il vento talora diradava, scorsero a pochi metri dal margine esterno, una massa informe che pareva cercasse di avvicinarsi alla Shannon.

– Corna di caribou! esclamò Charchot. Che sia proprio un orso o qualche altro animale, io non lo so, ma penso che sarà prudenza mandargli una palla.

– È vero, Charchot rispose Thorn. Tanto più che quell’animale è grosso assai, e che manovra in modo da accostare la Shannon.

– Mira giusto!... Fuoco!...

I due spari rimbombarono, formando una sola detonazione. L’animale, colpito di certo, fu veduto alzarsi bruscamente, poi ricadere, quindi rimettersi in equilibrio, poi stramazzare di nuovo e scomparire fra la nebbia che tornava ad addensarsi sul banco.

– Cosa succede?... chiese una voce che usciva dalla camera di prua.

– Abbiamo ammazzato un animale che si accostava alla barca, mastro rispose Charchot. Tornate nella vostra camera e dormite tranquillo.

– Era un orso?