Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216 i cacciatori di foche della baia di baffin


Poco dopo i suoi compagni, affranti da quelle ricerche e scoraggiati, lo raggiungevano. La nebbia calava allora fitta assieme alla neve, ed aveva interrotto la loro escursione.

– Proprio nulla? chiese Tyndhall.

– Nulla, mastro, fuorchè alcuni rottami della Shannon rispose Charchot con voce triste. Egli è morto.

– Povero Grinnell!... E chissà se noi gli sopravviveremo.

Cenarono in silenzio con un po’ di prosciutto e con pochi biscotti, poi si avvolsero nelle loro pellicce e si sdraiarono gli uni accanto agli altri, per mantenersi un po’ caldi. Al di fuori era rimasto solamente Fox a vegliare.

L’oscurità ormai era diventata profonda. Ululava sinistramente il vento sulla costa, travolgendo il nebbione e la neve, ed i ghiacci tuonavano sordamente sotto le continue pressioni degli ice-bergs che si accumulavano sui margini dei banchi.

I naufraghi, vinti dalla stanchezza, si erano addormentati e russavano sonoramente. Erano già trascorse parecchie ore, quando furono bruscamente svegliati dai latrati di Fox.

– Che vi sia qualche orso? chiese mastro Tyndhall, cercando le sue pistole. Sarebbe il benvenuto per rifornirci di viveri.

– Vado a vedere, mastro disse Charchot. Rimanete: può essere un falso allarme.

Afferrò una fiocina, si passò nella cintola una pistola e uscì.

La notte era oscurissima e un ventaccio gelido soffiava dalle regioni nordiche, sibilando e urlando fra i picchi e le guglie dei banchi. La nebbia scendeva a