Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/275

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xiv — la caverna delle morse 241


assalire e cadevano dibattendosi fra le strette dell’agonia.

Mastro Tyndhall, inebbriato dall’odor della polvere, tuonava senza posa:

– Fuoco camerati!... Le morse sono nostre!...

E la carneficina continuava con maggior rabbia entro la cupa caverna che rimbombava tutta.

Già cinquanta o sessanta animali giacevano a terra, quando i più vecchi maschi decisero di forzare il passo, forse colla speranza di raggiungere l’orlo del bacino.

Si misero a strisciare in ranghi compatti, coi peli irti, le zanne tese innanzi, muggendo spaventosamente e facendo sforzi disperati per giungere presto dinanzi alle rocce, ma i marinai non erano uomini da spaventarsi.

Gettarono le armi da fuoco e impugnarono i ramponi e le scuri.

– Picchiate duro!... urlò mastro Tyndhall, abbattendo un maschio colossale, con un terribile colpo di scure. Attenti alle zanne!...

Si scagliarono tutti in mezzo ai ranghi ferendo, picchiando, colpendo a destra ed a sinistra. I poveri animali, grondanti sangue, cercavano di opporre una inutile resistenza e cadevano a gruppi.

Avevano da fare coi più valenti cacciatori di foche della baia di Baffin e non potevano far fronte a quell’assalto impetuoso.

La strage continuò fino a che i marinai, stanchi di uccidere, nauseati dall’acre odore del sangue, s’arrestarono.

Non rimanevano in piedi che pochi maschi, una ventina tutt’al più. Quei pochi superstiti, vedendo libero il passo, s’affrettarono a strisciare fino al margine del bacino e vi si lasciarono cadere dentro con grande fragore, inabissandosi nelle oscure acque.