Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo iii – in rotta pel nord 23


– Sì, professore. È uno dei più famosi lupi di mare ed uno dei più audaci balenieri che vanti la Danimarca.

– Ebbene, fu lui che s’accorse dello spostamento della corrente e delle balene. Era partito con una vera flotta di navi a vapore pieno di speranza, sapendo che su quelle coste i cetacei abbondavano, ma non ne trovò che pochi assai e così inquieti che non si lasciavano avvicinare e fu a grande fatica che potè ramponarne sei durante tutta la stagione.

– Tanto pochi da non coprire le spese.

– Lo credo. Certo, le balene erano furibonde per non aver trovato il loro solito cibo che le correnti avevano trascinato altrove.

– Quello spostamento però è tornato vantaggioso al vostro amico Foyn.

– È vero, poichè mi dissero che in quell’anno pescò una trentina di balene.

– Oh! Oh! – fece in quell’istante Tompson, alzando vivamente il capo.

– Cosa avete?

– Temo che alle Spitzberg sia già cominciato l’inverno.

– E da cosa lo arguite?

– Vedete in alto quelle schiere di uccelli bianchi che fuggono verso il sud?

– Sì,... signor Tompson.

– Vanno a svernare sulle rive dell’Ural e del Volga.

– Sono pellicani, forse?

– Sì, professore, e la fuga di quegli uccelli in questa stagione che non è ancora fredda, indica che nelle isole dello Spitzberg sono già cadute le prime nevi, ma bah!... Se il vento si mantiene così fresco, giungeremo presto a destinazione. Signor professore, andiamo a far colazione intanto.