Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO VIII.

Un feroce assalto.

Una valanga umana si era precipitata sulla prora del Bangalore, che era rimasta indifesa, dopo che Durga aveva fatto ritirare a poppa i combattenti, per spargervi i durion.

Erano trenta, quaranta o cinquanta selvaggi, armati di mazze, di sciaboloni e di coltellacci. Non vedendo alcun indiano dinanzi a loro, si rovesciano sulla prora, invadendo la tolda.

Le loro grida di guerra e di trionfo, da un momento all’altro, si cambiano in urla di spavento e di dolore.

La loro invasione si arresta. Dai loro piedi nudi, tagliati, traforati, lacerati dalle durissime e acute punte dei durion, escono ruscelli di sangue.

I primi che tentano di ritirarsi, sospinti dagli altri, cadono e si dibattono fra spaventevoli convulsioni. È il momento di approfittarne.

Durga fa girare le spingarde e li fulmina a bruciapelo, mentre Amali, il francese e gli altri aprono un fuoco infernale sulle scialuppe più vicine, che cercano d’accostarsi alla poppa.