Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 sul mare delle perle

mini, non ne dubito, apprendendo la vostra morte, ucciderebbero Mysora, ma voi non tornereste nondimeno in questo mondo e allora addio vendette, addio corona, buona notte ai vostri avi che aspettano che un successore riacquisti il trono che hanno perduto.

— Mysora uccisa! — esclamò Amali, con spavento.

— E tutto il resto perduto, — aggiunse il francese. — Andate a fidarvi di quel marajah! Io non metterei nelle sue mani nemmeno la punta del mio dito mignolo.

— E che cosa fareste voi al mio posto?

— I vostri uomini sono fidati?

— D’una fedeltà a tutta prova.

— Incapaci di avvertire il marajah della vostra presenza in questi luoghi?

— Incapacissimi, — disse Amali. — Rispondo di loro come di me stesso.

— Avete nessun amico alla corte?

— Sì, uno, che al pari di me ha giurato di vendicare mio fratello.

— Chi è costui?

— Binda, capitano delle guardie del marajah.

— Un pezzo grosso — disse il francese. — Benissimo, ci sarà di molto aiuto. I vostri uomini sono conosciuti a Jafnapatam?

— Nessuno.

— Ne manderete uno al vostro amico, onde avvertirlo che voi vi trovate qui, in attesa del momento opportuno di rapire al marajah il fanciullo. Penserà lui, se è furbo, a fare in modo che la