Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. i. — i banchi perliferi di manaar 11


Tutti i pescatori, stupiti da quell’atto, avevano cessato di gridare e di disperarsi, perchè erano ormai certi che lo scomparso palombaro sarebbe stato ricondotto a galla o per lo meno vendicato.

Durga, temendo che qualche disgrazia toccasse al padrone, si era a sua volta sbarazzato della sottana di tela fiorata che gli serrava troppo strettamente le anche ed aveva impugnato un coltellaccio a doppio taglio, colla lama diritta e scannellata.

Curvo sulla poppa, spiava ansiosamente l’acqua, scuotendo la testa e ripetendo:

— Quale pazzìa! D’altronde si sa che Amali è l’uomo più audace di Ceylan e che non conosce la paura.

Dietro di lui si affollavano i marinai del veliero, pallidi, commossi, silenziosi.

Passarono venti, poi trenta, poi cinquanta secondi senza che il re dei pescatori di perle ricomparisse. Il fondo del banco si era smosso e l’acqua, diventata torbida, non permetteva più di discernere ciò che accadeva sotto.

— Eccolo! — gridò una voce.

Quella esclamazione era stata lanciata da un compagno del palombaro scomparso.

Durga si era alzato vivamente, stringendo il coltello.

— Dove? — aveva chiesto.

— Nuota presso la vostra nave.

— Sì, eccolo! — confermarono parecchie voci.

Un momento dopo a fior d’acqua compariva la nera ed inanellata capigliatura di Amali.