Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. i. — i banchi perliferi di manaar 13

piantò quasi tutta nelle carni del mostro, il quale fece un balzo fuori dall’acqua.

Il ventre era stato squarciato per una lunghezza d’oltre un metro e uscivano ad un tempo sangue e visceri.

Per alcuni istanti si vide l’acqua girare vorticosamente, allargando il cerchio di sangue, poi uno degli avversari ricomparve: era Amali.

Senza bisogno d’aiuto alcuno s’arrampicò sulla poppa del veliero, gettò via la piccola scimitarra ancora lorda di sangue, quindi disse con voce tranquilla:

— Quello squalo non divorerà più i pescatori: l’ho punito. Dov’è quell’uomo?

— È qui, signore — rispose Durga.

— Morto o vivo?

— Sta per riacquistare i sensi.

Amali si levò il diadema di perle e di diamanti che portava ancora infisso fra la folta capigliatura e gettandolo a Durga, con un gesto da sovrano, soggiunse:

— È di quell’uomo.

Poi, senza asciugarsi, rivestì la bianca camicia di seta, mentre su tutte le barche gridavano a squarciagola:

— Viva il munifico re dei pescatori di perle!...