Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 sul mare delle perle


— Il canotto è piccolo e dovevo pensare anche a Binda ed a mio nipote.

— Avete fatto bene. Dov’è il Bangalore?

— A due miglia da qui, nascosto fra tre isole che lo coprono interamente. I miei uomini stanno rialzando gli alberi che avevo fatto abbassare.

— Avete detto loro di tenersi pronti?

— Nessuno dormirà e, ai primi colpi di fucile, verranno incontro a raccoglierci.

Il francese estrasse l’orologio e l’accostò agli occhi.

— Sono le dieci — disse. — Il marajah e tutta la sua gente sono in orgia per festeggiare il felice esito delle caccie. Il momento è buono per scatenare gli elefanti: andiamo.

— Dovrò entrare anch’io nel campo? — chiese Amali. — Sono vestito da cingalese, tuttavia qualcuno potrebbe riconoscermi.

— No, voi vi fermerete fuori — disse il francese. — Agiremo noi.

Si misero in marcia nel più profondo silenzio. In lontananza, presso le rive della palude, si vedevano ardere i fuochi del campo e si udivano grida, rullii di tamburi e tocchi di tam-tam.

— Si divertono — disse il francese. — Fra poco queste grida di gioia, si tramuteranno in urla di terrore.

— Come farete a iniettare il vostro liquido agli elefanti? — chiese Amali, che gli camminava a fianco.

— Con una piccola lancetta scannellata. Pungerò la tromba.