Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/211

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xiii. — il rapimenti di maduri 187


— Monteranno subito in furore?

— Dopo qualche minuto.

— Rispondete dell’esito?

— Sono sicuro della potenza del mio liquido.

Erano le dieci e un quarto quando il drappello giunse a breve distanza dal campo.

I soldati, i servi ed i battitori si divertivano allegramente intorno ai fuochi, suonando e danzando, mentre sotto la tenda del marajah si udivano echeggiare canti selvaggi.

— È la il mio nemico — disse Amali, con voce cupa. — Se potessi sorprenderlo e ucciderlo in mezzo all’orgia!

— E Mysora? — gli mormorò agli orecchi Jean Baret.

— Ah! Sì, avete ragione — sospirò il re dei pescatori di perle.

— Per questa notte accontentatevi di avere il fanciullo. Vale più del marajah, perchè vi sgombrerà la via per giungere al trono. Voi rimarrete nascosto in mezzo a questi cespugli coi vostri due uomini e ci aspetterete. Appena fatto il giuoco fuggiremo verso il lago e c’imbarcheremo. Nella confusione, nessuno farà attenzione a noi.

— Agite con prudenza.

— Fidatevi di me.

Entrò nel campo, seguito da Durga e dal capitano, salutato con deferenza dalle guardie, e si diresse verso la tenda del marajah, dove il baccano era assordante.

Il principe, i suoi cortigiani ed i suoi ministri