Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xiii. — il rapimento di maduri 195


— Sì — mormorò il re dei pescatori di perle. — Ci inseguiranno.

— Volete aspettare qui la vostra nave?

— Non la vedo ancora. Che cosa può esserle successo?

— La marea l’avrà lasciata a secco. So che si fa sentire assai forte su questo lago.

— Amali — disse il capitano. — Non fermiamoci troppo qui. Giacchè abbiamo tempo, rifugiamoci nei boschi. Più tardi penseremo a raggiungere la tua nave. Conosco un nascondiglio dove potremo aspettare che le genti del marajah si stanchino di cercarci.

— È lontano? — chiese Jean Baret.

— Si trova in mezzo ad una jungla foltissima.

— Che cos’è quel rifugio?

— Un tempio dedicato a Budda.

— Quanto impiegheremo a giungerci?

— Due o tre ore.

— Domineremo il lago?

— Sì, perchè si trova in alto.

— Andiamoci — disse Amali. — Alla mia nave deve essere successo qualche arenamento; se così non fosse sarebbe qui, perchè i miei uomini sono di una fedeltà a tutta prova. Li ritroveremo in altro momento.

— Non lascieranno il lago? — chiese Jean Baret.

— Senza di me! Oh, mai! aspetteranno il mio ritorno, anche se la mia assenza dovesse prolungarsi un mese.

— Venite — disse il capitano. — I cingalesi si