Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xiii. — il rapimento di maduri 197


— Sei contento di essere libero? — gli chiedeva Amali, accarezzandolo.

— Oh sì, zio, e da quanti anni sospiravo il momento di poter lasciare il marajah! Quell’uomo mi faceva paura e tremavo tutte le volte che mi guardava. Avevo sempre in mente che volesse uccidermi, come ha ucciso mio padre.

— Non lo rivedrai più, mio buon Maduri. Ora sei sotto la mia protezione e ti porterò in un luogo sicuro dove potremo sfidare tutti i guerrieri del marajah. E dimmi, ti faceva paura anche Mysora?

— No, zio, era buona con me e mi regalava sempre dei dolci. Anzi quando vedeva il marajah ubriaco mi faceva nascondere, perchè anch’ella temeva che mi volesse scannare.

— Dunque tu non odii Mysora?

— No, l’amavo come una sorella.

— Sai dove si trova ora?

— Mi hanno detto che dei ladri di mare l’hanno rapita e uccisa.

— Non è vero, nipote mio. Quei ladri di mare erano i miei uomini e Mysora si trova mia prigioniera.

— Non le avrai fatto del male.

— Oh no! Anzi, tutt’altro.

— Mi condurrai da lei.

— Sì, quando avremo raggiunto la mia nave andremo a trovarla. Ti parlava mai di me?

— Sì, qualche volta. Anzi mi disse che ti aveva veduto alla pesca delle perle.

— Manifestava dell’odio parlando.

— No, zio, anzi ti compiangeva, ma ti temeva.