Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/283

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xvii. — le galee del marajah 253


— Otto a destra, otto a sinistra e gli altri alle spingarde. Passeremo sparando da ambe le parti.

— È solida la vostra nave?

— È tutta in legno di tek, un legno che resiste alle palle di cannone.

— Quindi se qualche galea tenta di tagliarci il passo....

— Possiamo investirla e colarla a fondo, senza che la nostra prora si rompa.

— Vuol dire che i più forti siamo ancora noi. Avanti senza paura!

Il Bangalore si trovava allora a cinque o seicento metri dalla foce del canale, che serviva di scarico alle acque del lago.

Sebbene la notte fosse oscura, Amali e Jean Baret scorsero sulle due rive sei galee, colla prora e la poppa assai alta, e senza alberature. Quattro si tenevano presso i canneti, le altre due invece un po’ in mezzo al canale, per impedire l’uscita a qualunque nave che fosse diretta verso il mare.

— Saremo costretti a investire, se si stringono, — disse Jean Baret, che osservava attentamente la situazione.

— Siamo pronti! — gridò Amali prendendo la carabina.

In quel momento da una delle due galee che occupavano il centro del canale, si udì una voce gridare:

— All’armi!...

— Si sono accorti del nostro avvicinarsi — disse Jean Baret.