Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. ii. — mysora 19

sapere qualche cos’altro — disse il re dei pescatori di perle, trattenendolo e piantandogli addosso gli occhi.

— Che desideri sapere? — chiese il palombaro, assai contrariato dal prolungarsi di quel colloquio.

— Vuoi vendermi la tua perla azzurra?

— A nessun prezzo.

— Ci tieni a possederla?

— Più della mia vita, perchè farà felice la più bella fanciulla di Ceylan.

— Come si chiama quella giovane.

— Amali è troppo curioso — disse il palombaro.

— Amali! Tu conosci il mio nome.

— E molte altre cose ancora.

— Quali? — chiese il re dei pescatori di perle con crescente sorpresa.

— Che tu sei il nemico del marajah di Jafnatapam e che hai giurato la sua perdita; ma tu, al momento opportuno, mi ritroverai sulla tua via.

Ciò detto, con uno scatto improvviso, balzò in mare, prima che Amali avesse pensato a trattenerlo, nuotò rapidamente verso la sua scialuppa e vi salì sopra.

I suoi uomini avevano preso immediatamente i remi e si erano diretti sollecitamente verso lo stazionario inglese, come per mettersi sotto la sua protezione ed impedire ad Amali di importunarli.

— Chi sarà costui? — si domandò il re dei pescatori di perle, che non si era ancora rimesso dallo stupore. — Come ha potuto sapere che il marajah di Jafnapatam è mio nemico? Un semplice pescatore di perle lo avrebbe ignorato. Durga!...