Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
260 sul mare delle perle


— Una lanterna — comandò. — Ormai non ci possono più scorgere dall’esterno.

— Che manovra fortunata! — esclamò il francese, guardando le gole fosforescenti degli squali.

— Chi potrebbe immaginarsi che qui vi è nascosta una nave? Ed i vostri uomini dove sono?

— Aspettate che segnali la mia presenza — rispose Amali.

Si levò dalla fascia un fischietto e cavò tre note modulate.

Tosto, proprio sopra al Bangalore, si udì un rumore cupo, come se venisse fatta scorrere qualche enorme tavola, e la scala di corda cadde, mentre una voce chiedeva:

— Chi siete? Rispondete o faccio fuoco!

— Il padrone — rispose Amali.

— Giusto Budda! Il re dei pescatori di perle! Devo dare l’allarme, signore?

— No.

Quindi, volgendosi verso Jean Baret ed al capitano, che teneva per mano Maduri, aggiunse:

— Seguitemi; siete in casa mia.

— Questa caverna è meravigliosa! — esclamò il francese, sempre più stupito di quanto vedeva. — Chi potrà prendere d’assalto questo scoglio? I cingalesi perderanno inutilmente il loro tempo.

Quando giunsero nella galleria superiore trovarono un drappello di otto marinai, comandati da un capo.

— Padrone — disse questi — come avete fatto a passare in mezzo alla flotta senza farvi sorprendere?