Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. ii. — mysora 21

vano la scialuppa di quel giovane. No, Durga, sento per istinto che ci spiano.

— Chi sarà capace di arrestarti nei tuoi disegni?

— Chi?... chi?... Se gl’inglesi si mettessero di mezzo?

— Loro!... Non si occupano che di sorvegliare la pesca.

— Durga — disse Amali, come se avesse preso una improvvisa decisione — metti in acqua il canotto e va a chiedere ai pescatori se conoscono quel giovane. È impossibile che nessuno sappia chi sia, e d’onde venga.

— Sì, padrone, vado subito.

Il luogotenente chiamò alcuni uomini, fece calare una piccola scialuppa che si trovava sulla tolda e vi saltò dentro, remando con forza.

Amali lo seguì per alcuni istanti collo sguardo, poi, quando lo vide scomparire in mezzo alle centinaia e centinaia d’imbarcazioni che s’incrociavano in tutti i versi, riprese il suo posto sullo scanno coperto di velluto, riaccendendo la pipa.

Non aveva però ancora riacquistato la tranquillità; la sua fronte sovente si aggrottava, le sue mani tamburellavano nervosamente il bordo della nave e di quando in quando si alzava guardando verso le spiagge di Ceylan.

Pareva che aspettasse qualcuno che doveva venire da quella parte, però il mare era sgombro in quella direzione e liscio come una immensa lastra di metallo argenteo, senza che la più piccola macchia nera o bianca potesse indicare l’avvicinarsi d’una barca o d’un veliero.