Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 sul mare delle perle


Solamente delle pinne e delle code emergevano per scomparire subito. Erano pesci-cani che si dirigevano verso i banchi di Manaar per insidiare i poveri palombari e divorarli.

Intanto, intorno alla splendida nave del re dei pescatori, ferveva la raccolta delle ostriche perlifere.

I palombari si tuffavano ad ogni istante, scendendo fino sul banco che si trovava ad una profondità di dieci e perfino di quindici metri e risalivano precipitosamente colle reti piene zeppe di conchiglie.

Di quando in quando un improvviso terrore si manifestava fra quegli uomini e si notavano delle grida d’allarme che facevano impallidire i barcaiuoli.

— Tutti in barca!

— Attenti al pesce-cane!

— Naviga fra due acque!

— Fuori le fiocine!

Poi due o tre colpi di fucile, un urlo di trionfo, degli applausi, delle risa ed un pesce-cane montava a galla, contorcendosi e facendo balzi e soprassalti.

Amali, sempre sdraiato sul suo scanno, non pareva che s’interessasse molto di quelle scene, alle quali d’altronde era abituato.

Continuava a guardare in direzione dell’isola, facendo dei moti d’impazienza, o fra le barche cercando di scoprire Durga.

Finalmente si vide il piccolo canotto del luogotenente guizzare fra le barche dei pescatori e avanzarsi celeremente verso la nave.