Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. iv. — un naufragio disastroso 57


— Costui non l’ho conosciuto che ieri, nè ho mai avuto alcun motivo di lagnarmi di lui.

Quindi, guardandola attentamente, le chiese a brucia pelo:

— Lo ami tu?

Vi era nella voce del re dei pescatori una misteriosa vibrazione che colpì vivamente Mysora.

— Perchè mi chiedi ciò? — domandò.

— So che il principe di Manaar cercava, sui banchi, delle perle azzurre per fartene un regalo.

— A me? — chiese la principessa, stupita.

— Ignoravi che ti amava?

— Non l’ho mai saputo.

— Ora almeno lo sai — disse Amali con una profonda amarezza.

— Si direbbe che ti rincresce.

— Un’altra volta riprenderemo questo colloquio. Intanto il principe di Manaar è mio prigioniero e le perle azzurre non andrà a cercarle tanto presto.

— Mio fratello penserà a liberarlo.

— Nella caverna dei pesci-cani? — chiese il re dei pescatori, con un sorriso ironico. — Tu non conosci ancora il mio rifugio. Addio Mysora e non pensare troppo al principe di Manaar. Fra te e lui ci sono io.

— Che cosa intendi di dire?

— È troppo presto per dirti ora tutto, — aggiunse Amali. — La mia cabina è tutta a tua disposizione, signora, e se hai bisogno di qualche cosa, percuoti quella lastra di metallo ed io verrò.