Pagina:Santucci Sulla melodia Lucca 1828.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

93

confronto? Pure certi compositori che, non contenti di trascurar 1* espressione, fanno anzi delle parole de’ salmi e della liturgia un vero macello, piacciono quasi generalmente: e piacciono appunto perchè da’ più non badasi al sentimento della parola e vassi soltanto in cerca del diletico delle orecchie, procurato da questi inverecondi scrittori coll’avere introdotto nel tempio l’orchestra del teatro e le sue leziose e lascive cantilene (31).

L. Piacciono ancora certi moderni organisti, ma per una mancanza di riflessione di genere diverso dall’anzidetta: cioè, perchè da molti non vuoisi riflettere al luogo, al tempo in cui si suona da costoro, e all’inetta maniera, con cui si suona Infatti in tempo dell’augusto sacrifìcio, dando eglino di mano a certe militari sinfonie, sembra che col fragor delle trombe vogliano intimar guerra all* Altissimo; e dopo l’elevazione degli azimi sacrosanti con alcune altre suonate di stile totalmente profano trasportano la fantasia del popolo fedele dal sacro tempio, luogo d’orazione e di raccoglimento, alle dissipazioni e profani divertimenti del teatro . Frattanto l’uom religioso freme, l’intelligente ride, ed il superficiale applaudisce (32).

LI. Piace finalmente cotesta musica per la graziosità d’alcune cantilene; per la leggiadria d’alcune modulazioni; per l’amenità d’alcuni pensieri } pel continuo maneggio d’una infinità di strumenti: e piace in una parola, perchè fra molto gioglio trovasi mescolato del buon frumento .

LII. Ma sento che taluno qui mi ripiglia e dice: non è poi la sola moltitudine poco o nulla istruita,