Pagina:Satire (Giovenale).djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 satire di giovenale

D’Achille la percossa; Ila sommerso
Insiem coll’urna e ricercato a lungo.1
Ma quando acceso d’ira, e come armato
D’una spada Lucilio e grida e freme;
L’uom, che non può nascondere a se stesso
I suoi delitti, raccapriccia e sente
I carboni sul viso, in core un gelo.
Quindi rabbia e martoro. Innanzi dunque
Di dar fiato alla tromba, teco stesso
Pensa e rifletti: chi ha già l’elmo in testa,
Tardi si pente della pugna». ― Ebbene!
Io proverò quanto mi fia concesso
Contro di quelli, la cui spoglia or giace
Lungo la via Flaminia e la Latina.2

caricamento di la:Page:Satire (Giovenale).djvu/126 in corso... Loading.gif

  1. [p. 131 modifica]Ila, bellissimo giovinetto, essendo ito per acqua al fiume Ascanio, le ninfe invaghitesi di lui lo tirarono giù nella corrente: ed Ercole, che lo amava, lo ricercò lungamente invano.
  2. [p. 131 modifica]Lungo queste due vie erano le tombe di Pallante e di molti altri potenti scellerati.