Pagina:Satire (Giovenale).djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 satire

O Quiriti; sebben maggior lordura
Anco vi sia di questa feccia Achèa.
Già da un pezzo nel Tebro il sirio Oronte
Si scaricò, portandovi la lingua
E gli usi, e i flautisti, e le ricurve
Cetre, non men che i timpani natii,
E le putte che fan di sè mercato
Presso del circo. Ite colà voi tutti
Che andate pazzi per le forestiere
Lupatte1 dalla mitra variopinta.
    I tuoi rustici figli, o gran Quirino,
Si vestono alla greca;2 e degli atleti
Portan l’insegne vittoriose al collo,
Unti di cera e d’olio. All’Esquilino
E al colle che dai vimini si noma
Corron in frotta i Greci; abbandonando,
Questi, Sicion l’alpestre; Amidon, quegli;
Un altro, Tralle od Alabanda ; un altro,3
O Andro o Samo: e nelle gran famiglie
Si ficcano costoro; e in breve tempo
Ne diventano l’anima e i padroni.

caricamento di la:Page:Satire (Giovenale).djvu/156 in corso... Loading.gif

  1. [p. 178 modifica]I Romani chiamavano lupae le femmine da conio, che dipendevano da un lenone. Portavano in capo una mitra di più colori.
  2. [p. 178 modifica]Il latino dice: rusticus ille tuus sumit trechedipna da τρεχω curro e δειπνον coena, che era una veste di gala che i Greci indossavano quando recavansi a pranzo fuori. Io traduco: si vestono alla greca; perchè e il contesto e il vocabolo greco, preferito dal poeta, mostrano ch’egli ha qui specialmente voluto appuntare nei Romani la mania di vestire seconda l’usanza greca. E in questa opinione mi conferma anche l’altro vocabolo greco usato dal Nostro nel verso seguente: niciteria νικητήριον praemium victoriae, che era una piccola piastra o collana, che portavano al collo gli atleti vincitori; e che dava loro il diritto alle sportole imperiali.
  3. [p. 178 modifica]Tutte città della Grecia o dell’Asia minore.