Pagina:Satire (Orazio).djvu/68

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

70

Tutto mette lo stomaco in tumulto.
120Non vedi come smorto ognun si leva
Da una cena che tien la bocca in dubbio?
Gravato il corpo da stravizzi aggrava
L’anima ancora, e tiene al suol confitta
Quella parte che abbiam d’aura divina.
125Ma l’uomo parco dopo aver le membra
Per pochi instanti ristorate e al sonno
Date in governo, vegeto vien fuori
Dal letto a ripigliar gli usati ufficj.
Pur esso anco potrà lentare il freno
130A miglior pasto o quando l’annuo giro
Ne riconduce un lieto dì solenne,
O s’ama ristorar le spente forze,
E allorchè l’egra età, crescendo gli anni,
Un trattamento vuol più dilicato.
135Ma a quella morbidezza, che ti prendi
Fuora di tempo in età salda e fresca,
Qual giunta potrai far quando cadente
Vecchiezza o dura malattìa t’incalzi?
Un rancido cinghial da’ nostri padri
140Era apprezzato non perché mancasse
A quei buon naso, ma, cred’io, per questo
Che stimavano ben così mal sano