Pagina:Satire (Persio).djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

rigorosamente la Satira che un’Appendice alla Legge per quei morali difetti, che la Legge medesima non circonscrive, null’altro che un supplemento all’umana giustizia per quelle colpe, che invola tutto giorno alla pena o la malizia, o la prepotenza, o la seduzione, o l’intrigo, vuolsi concludere, che un fermo incontaminato Satirico è il miglior cooperatore ed amico di ogni accorto capitano di popoli, il ministro, a dir breve, della polizia morale in ajuto della virtù. Un volume adunque di gravissime satire, siccome quelle di Persio, a niuno s’intitola con più convenienza quanto ad integro e filosofo Magistrato, nella cui bocca udimmo già tutti solennemente questa sentenza: La più importante Magistratura è quella dell’opinione: nè verace gloria, nè durevole