Pagina:Saul.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto iii. 39

10Sanguinoso rotai, già pria che il fischio
Ivi si udisse di tua fionda....

DAVID

Il sangue
Del re non scorre entro mie vene: a tutti
Noti sono i miei fatti: io non li vanto:
Abner li sa. — Deh! nell'obblio sepolti
15Sian pur da te; sol ti rammenta i tuoi:
Emulo di te stesso, oggi tu imprendi
A superar solo te stesso.

ABNER

Il duce
Io mi credea finor; David non v’era:
Tutto ordinar per la vittoria quindi
20Osai: s’io duce esser potessi, or l’odi. —
Incontro a noi, da borea ad austro, giace
Per lungo, in valle, di Filiste il campo.
Folte macchie ha da tergo; è d’alti rivi
Munito in fronte: all'oríente il chiude
25Non alto un poggio, di lieve pendío
Ver esso, ma di scabro irsuto dorso
All’opposto salire: un’ampia porta
S’apre fra’ monti all’occidente, donde
Per vasto piano infino al mar sonante
30Senza ostacol si varca. Ivi, se fatto
Ci vien di trarvi i Filistei, fia vinta
Da noi la guerra. È d’uopo a ciò da pria