Pagina:Saul.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 SAUL

Di fresco sangue, e il mio sangue ei si beve.
Ma chi da tergo, oh! chi pel crin mi afferra?
Tu, Samuél? — Che disse? che in brev’ora
50 Seco tutti saremo? Io solo, io solo
Teco sarò; ma i figli.... — Ove son io? —
Tutte spariro ad un istante l’ombre.
Che dissi? Ove son io? Che fo? Chi sei?
Qual fragor odo? Ah! di battaglia parmi:
55 Pur non aggiorna ancor: sì, di battaglia
Fragore egli è. L’elmo, lo scudo, l’asta,
Tosto or via, mi si rechi: or tosto l’arme,
L’arme del re. Morir vogl’io, ma in campo.

MICOL

Padre, che fai? Ti acqueta.... Alla tua figlia....

SAUL

60 L’armi vogl’io; che figlia? Or, mi obbedisci.
L’asta, l’elmo, lo scudo; ecco i miei figli.

MICOL

Io non ti lascio, ah! no....

SAUL

Squillan più forte
Le trombe? Ivi si vada: a me il mio brando
Basta solo. — Tu, scostati, mi lascia;
65 Obbedisci. Là corro: ivi si alberga
Morte, ch'io cerco.