Pagina:Schiaparelli - Le stelle cadenti.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e loro associazione colle comete. 51

cisa neppure intorno alla parte, che a coteste singolari formazioni era da assegnare nella gran macchina dell’Universo. Alcuno fra gli investigatori aveva già cominciato a disperare, che si potesse mai venire a nozioni solide intorno a questa materia, e inclinava di nuovo verso la teoria atmosferica, secondo cui le stelle cadenti si riputavano come risultato di qualche processo meteorologico analogo, p. e., alla grandine. I più parevano accostarsi all’opinione già emessa di Olmsted e da Biot, che le orbite delle nubi o delle correnti meteoriche intorno al Sole fossero poco diverse da circoli concentrici, e formassero col loro insieme l’apparenza nebulosa nota sotto il nome di luce zodiacale; cioè costituissero un grande ammasso di forma schiacciata simile ad una lente, col centro nel Sole, e cogli orli estesi nel piano delle orbite planetarie fino a toccare l’orbita della Terra. Humboldt nel Cosmos è stato il divulgatore più autorevole di questo modo di vedere, il quale oggi non appartiene più che alla storia. Ad accrescere la confusione e l’incertezza si aggiunse l’abuso che alcuni facevano della distinzione in meteore sporadiche ed in meteore sistematiche o periodiche, attribuendo ad essa non un significato nominale, ma un senso reale, che non ha in natura alcun fondamento. Nessuna maraviglia quindi, che per