Pagina:Scienza - Li Meravigliosi Secreti di Medicina, 1618.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


i*<# $ E CU E T I facendo qualche altro sformo, vi è pericolo no# calino abafjo le budella, del che il f adente fe nt iene guardare quanto fiapoffibile, perchè ale ne volte calano in tal modo, che entrar dentro più non pojjono, ancorché fi appicchino per li piedi i patienti, & anco fé gli facci acquai fi vo* glia conuenientc rimedio, onde poi e di necefjìu Le bu * che con miferabil dolore, e regittando lo fieno

  • el!a ^ per la bocca crudelijfimamcntc paffino da quefia

ftpofH- vita.Vi riguardante adunque da quefir,e di fa morirne re ogni altro sformo, & anco di patire freddo, fi cere,fan j p é( a come a tutto il corpo, e di mangiare co* BO get ‘i fe ventofe, e di diffidi digestione, e di caudlur tlerco p canalii che trottino,e di far longo maggio fienai Sa bocca legatura: vi terrete medefimamente dal coito I «uanJo cccejfiuo, & ancora apenfare in cofe veneree _j, I - mw> ~ percioche in tali p’éficri concorrono di molti in ■ J I€ ’ mori nelle parti vergognofe, i quali fono c aufajì I indebolifchino, e fumo atti poi a riceuere fimi limali: e tutto quetto hanno da offeruare gl huomini, e donne che dì tale infermità patifeoLz lega no. llter’go giorno fate il fimi le, e co fi fegui tura eó tate di condnouo in quefia maniera, per tre aien «fl ouero quattro me fi: dando opera fempr e, eh & legatura fila giufta, e che la rottura m ^ non cali fe pojjìbìle, Joprantettendoui fempìy detta acqua, e riguardandoli da cofe danno fi $ co fi facendo, io vi prometto la priHina faniì tàintieramente, & in hreue tempo: efeacà fi per difgratiar, onero per qualche grandd