Pagina:Scienza - Li Meravigliosi Secreti di Medicina, 1618.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DI MEDI CIMA. ut yerttofità doppo vn mefe, onero più, difauedu Umente ricala ffero, diflerate: perciò «che rimettendola, fubito > più facilmente poi fi viene di dentro a confali dar e il peritoneo già di lutato,che non ha fatto la prima voltai e questo ho viftotfefie volte, molti internenire» quando pofeia ìnvltimo vi parerà dieffergua • il che fi conofcerà per non hauere,egià mol tt giorni veduto il luogo affetto mai gonfione no eflere.flato fempre fmile a quelfano, vi dò per buon configho lo portiate vn mefe, & anco due d’auant aggio, acciò la cicatrice venga ad indurir fi, & confermar fi perfettamente la finita» £ mentre queflo rimedio farete, non vilafciate dar parole da quefli daratani, che in quindici giorni, onero in vn mefe vi promettono, & ven deno la finita, offendo che io quella operatione di ne c e flit à, che la natura anco ella vi metta la fua medicina, cioè il tempo in fare la vnione, la quale noi l’aiutiamo co la nostra legatura, infie me con il noftro medicamento aflringente, e mol to ficcante,ìlquale per le fue facilità fi può confi derare eflere molto coueniente a tale infermità r e fimilmente a gli altri medicamenti eh eh oggidì fi vfano eflere i contràrij: liquali, fe ben fono ropofli di coffe astringenti, & che molto fi couen gono, nondimeno vi pongono cera,varij graffi, e diuerfi ogli, iqnali non folamente rimetterlo, &• leu ano la forga delli aflringèti medi camiti, ma eziandio mollificano 9 e ri tafano in tal modo la ■ fO* A che fi conofce vn retto eflere guarito Ciarata ni fr’ne quelli, 1! che le rotture promet tonogu arire iti quindici giorni-» Medicine ordì Marie J> che noti guariscono i crepati*