Pagina:Scienza - Li Meravigliosi Secreti di Medicina, 1618.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Df‘tfIDrIQIjPi" iteli mirabìl virtù * onero confntimomo nofim, franco>o coU [tropi nofiri vniuerfalhefe d male, farà pejìimoy onero inocchiato, pigli appresa Letto, la decozione della [aponaria, e co fi con l’aiuto d’iddio, guarira delluno dell altrojfct 0imamenté,hauendo però inanimo di emenda ire la fitavita: percioche.ilpiù delle volte ci vqn trono t mali per li nojlri peccata e permette Dio %ongnarijebino,acciò ^ni cominciamo apatia onde che. mitigando l’ir a [uà con le noftre hnone opererei darà amoànfiem^m 1 ^ no ^ re cina che guariamo pretto d’ogni male^>. faldate le fetole, cuero crepature della bocca, delle mani, s de piedi, e delle marnartile, e leuare ogni dolore da qual fi voglia cagione. Cap. XXX IHn Truggete micia meg^Aì ctréMfiVWfJA O vnpignattmo, ouero cucchiaio dì./«> °> ci, qiStocbe.ba.jli a ridurlo ‘’-n t p6co unguento, emefcolatclo che egli fuia ’ * ‘ 1. n ecco, cefi caldo io wfwmem&fflSAhk luoghi dlauàto bagnata 9 e fitte rctolette picc» gliarete vn pocoiiuruutra jueatta,^ là tato che diventi rniU^e fm Rime» dio jper guarire da ogni male, Rotelle fatte c& cera,0C OglÌG?,