Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


scrivanie, un divano, qualche sedia, il crocifisso, il ritratto del Re. Uno scritturale scarno, pallido, con la testa già spiumata, vestito miseramente, scriveva in un suo grande registro.

— Non vi è il direttore'? — chiese l'appuntato.

— Ora viene — rispose lo scritturale.

E riprese a scrivere, senz'aver degnato neppure di uno sguardo il condannato. Entrò il direttore. Era un uomo sui quarant'anni, forte, alto, con una fisonomia bonaria ma seria. I carabinieri fecero il saluto militare. Egli salutò, diede un'occhiata di sfuggita al condannato e andò a sedersi alla seconda scrivania. L'appuntato gli diede il foglio di consegna.

— Come vi chiamate'? — chiese il direttore al condannato, per la verifica.

— Rocco Traetta, — rispose colui a voce bassa.

— Non avete un soprannome'?

— Mi chiamano Sciurillo.

— Di dove siete'?

— Di Napoli.

— Anni?

— Ventisei.

— Del fu? — disse il direttore, levando il capo.

— Del fu Gennaro — disse, senza tremare, il condannato.

— Condannato per parricidio — soggiunse il direttore, chinando un po' il capo, come se avesse rabbrividito.