Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IV.

Tutta la notte il capitano Gigli era stato molto agitato. La moglie, che aveva il sonno lievissimo e che non poteva mai riposare profondamente per quella voce delle sentinelle, che si chiamavano ogni quarto d'ora, aveva inteso subito che il marito si voltava e si rivoltava nel letto, che, talvolta, sospirava profondamente come un uomo oppresso.

— Ti senti male? — gli aveva chiesto due o tre volte, schiudendo gli occhi nell'ombra.

— No, no — aveva detto lui con premura. — Dormi tranquilla, sto bene; non ho sonno.

Ella aveva piegato il capo, ubbidiente, cercando di riaddormentarsi in quel leggero riposo dei suoi nervi scossi: ma così, fra veglia e sonno, ella aveva sempre udito che il marito era agitato. Il capitano Gigli, al mattino, si era alzato prestissimo, appena spuntata l'alba, e alla moglie che lo guardava con gli occhi spalancati, meravigliata, egli aveva detto:

— Dormi, dormi, poverina: io vado a fare una passeggiata, una lunga passeggiata.

All'ora di pranzo era tornato un po' pallido, silenzioso, nervoso. Andava su e giù, si accos