Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

al veglione 215


sciogliendosi i magnifici capelli per pettinarli.

Ma guardandosi nello specchio, si rincorò. Si trovava bella nelle labbra rosse e carnose, negli occhi verdi che si facevan fosforescenti alla sera, nella bianchezza senza macchia della fronte, del collo.

— Verrà sicuramente — pensò rassicurata.

Si assorbì nel ridurre a minime proporzioni la ricca capigliatura che ondeggiante rassomigliava alla criniera di un leone, nel prodigare alla sua persona le cure più minute che una donna bella, ricca e disoccupata può inventare. Un passaggio di torcie la sgomentò.

— Quanta gente per le vie... — pensò — ma egli verrà sicuramente.

Pure, come l’ora passava, cresceva la sua inquietudine. Le mani si stancavano, andavano a rilento, cadevano fiacche in grembo: tutta la sua persona era presa da un senso di infinita debolezza.