Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216 al veglione


— Coraggio, egli verrà — ripeteva a sè stessa.

Così andò all’armadio di legno scolpito e ne cavò fuori un costume completo da Follia, metà di raso azzurro, metà di raso rosa, tutto a sonaglini di argento, col berrettone puntato, ornato di campanellini.

Era un costume corto, scollato, quasi senza maniche. Vi mise le calze, una di seta azzurra, una di seta rosa, gli stivalini anche differenti fra loro: era pronta anche la marotte carica di sonaglini. Tutto questo insieme di abbigliamento le fece vergogna. Lei abituata agli strascichi di broccato e di trine, alle severità dei velluti, aveva orrore di quell’ignobile abito corto da ballerina, da saltatrice di corda. Non l’avrebbe mai messo, mai. Rimaneva in piedi, presso il divano, contemplando col viso addolorato quell’abito. Non avrebbe mai osato metterlo, mai.

Suonò mezzanotte. Non aveva che un’ora per vestirsi ed andare, un’ora sola. Lentamente, sedendosi ad ogni istante, abbattuta