Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
254 primo giorno


mi sono domandata quale storia avesse pietrificato quell’organismo di donna, lasciandole nell’anima solo la tortura di un misticismo impossente.


Ebbene, nel passato, malgrado il suo odioso matrimonio, ella era stata lungamente e tranquillamente virtuosa. L’avevano maritata a un’ignobile duca, giovane, brutto e villano, che si andava mangiando la sua fortuna — e seguitò sempre — con tutte le attrici di terz’ordine, le ballerine dei piccoli teatri, le cantatrici di operette dei baracconi in legno. Lui era fatto così, era democratico in amore — diceva. Soggiungeva che gli piaceva più l’anticamera che il salotto: quindi si asteneva dal far la corte alle amiche di sua moglie, ma era l’amante della cameriera, della sarta, della modista, financo di quella che veniva a stirare a giornata, al palazzo. Questo essere ducale i cui antenati salivano su per dieci