Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
310 commediola


— E guarderemo il fumo con aria triste.

Quando il cameriere venne a sparecchiare, essi fumavano. Un rumore di ruote s’intese sulla via. Lucia gittò un grido e si lasciò cadere quasi nelle braccia di Federigo, tremando.

— Dio mio, tu ti ucciderai con queste emozioni... — mormorò lui, sorreggendola, dandole coraggio.

— È un carro, signora — osò dire il cameriere.

— Va bene, andate — disse severamente Federigo.

O cordiali risate! Non le avrebbero ritrovate più. Si sentivano vivificati, rinfrescati in quel meriggio di luglio. Rimasero a discorrere di tante cose leggiadre, come nel parco, scherzando sulle maniere del mondo intiero. Fumavano, Ogni tanto il cameriere passava innanzi la porta socchiusa, senza volgersi. Essi sorridevano ancora e ripigliavano il discorso. Se ne partirono dopo un’oretta di conversazione.