Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/311

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

commediola 311


Si dettero il braccio scendendo le scale. Voltandosi, videro sulla porta il cameriere, il guattero, il cuoco, l’oste che li sbirciavano.

E se ne andarono leggieri, riposati e quieti fra la polvere alta.

All’albergo la signora Lucia dormì profondamente per tre ore. La sera non vide Federigo nello Stabia-Hall. La mattina seguente ricevette un dispaccio dal marito che la richiamava a Milano, per andare sui laghi. Cosa che le procurò una grande consolazione, poichè Castellammare cominciava ad essere noioso. Scrisse un bigliettino di congedo, ringraziandolo, a Federigo, e se ne partì affrettando l’ora del ritorno. Federigo lesse il biglietto mentre si radeva la barba, si strinse nelle spalle e andò al bagno.


Per tre anni non si videro mai, non seppero nulla l’uno dell’altro. Ma la sera prima