Pagina:Serao - Fior di passione.djvu/340

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
340 novella greca


separazioni. Ci sembrano amare, non sono. Bisogna vivere filosoficamente, godendo la gioia di oggi, non rimpiangendo quella di ieri, non desiderando quella di domani.

— È vero, — rispose lei tranquillamente.

— Poi — riprese lui — il piacere non può essere intenso che sagrificando la sua lunghezza. Per vibrare molto, non si può vibrare per molto tempo.

— È vero — e andò a ballare.

— Quando la fanciulla ritornò, egli ricominciò il suo discorso.

— ....anche l’amore è una cosa volgare e comune. Noi lo poetizziamo, per orgoglio, per fingerci esseri superiori. L’amore non mantiene una sola delle promesse che fa. L’amore è inutile.

— È vero — disse lei per la terza volta.


Nella notte rigida d’inverno lo scoglio altissimo si rizza, tutto nero. È a picco, tagliato