Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 Il viale degli oleandri


dore desiderò di uscire, che nessuno glielo potette impedire, malgrado la sua grande debolezza. Era estate, ormai, e i tramonti eran lunghi e violenti di colore: il viale era ancora fiorito, ma una messe rosea copriva il suolo. Ella trovò Mario Felice seduto sul banco: lo trovò più pallido, più triste che mai, le strinse debolmente la mano. Ella soffocava di emozione: e sul principio non parlarono, a bassa voce, che della infermità di lei e del viaggio che aveva fatto lui. Ella lo guardava negli occhi aspettandone una parola decisiva, quella che era venuta a udire, quella che le sue inaudite sofferenze, i tormenti morali e fisici e la tenerezza di lui avrebbero dovuto ispirargli: la parola che meritava la più pura e più ardente passione:

— Maria, questo amore deve morire, — egli disse fatalmente.

Ella non battè palpebra, non impallidì: solo, pensò un poco e rispose:

— Muoia, dunque.

Non aveva tremato la bella voce di Maria confermando chiaramente la sen-