Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Mario Felice 105


tenza di morte. Altro non dissero. Pallido come un morente, egli aveva vinto. Ella si levò, senza guardare nè il roseo cielo, nè i fiori che parevano tante fiammelle rosee, in quel tramonto:

— Addio, Mario,

— Addio, Maria.

Ella se ne andò, senza raccogliere un fiore, senza voltarsi, sparì, lontano, verso la gran rotonda luminosa dove arrivava il rombo sordo della città. Mario Felice restò seduto sul banco, e le prime ombre della sera lo avvolsero, poi la notte discese e lo trovò ancora lì, immobile. Nella notte olezzavano più acutamente i dolci fiori dell’oleandro, pieni di un veleno sottile: qualcuno di essi si staccava dal ramo e cadeva al suolo. Per sempre desolato era il cuore di colui che aveva vinto: e le lagrime della suprema tristezza piovevano dai suoi occhi, nella notte.