Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 La veste di sera


— Vede? — disse Cristina, — è tutto macchiato di pioggia.

— Sì, è macchiato di pioggia, — rispose macchinalmente la padrona.

— Ed è impossibile che lei lo metta di nuovo.

— Proprio impossibile.... — soggiunse la frivolissima donnina, con una voce immensamente triste.

Era con quella veste di seta che Giovanni Serra, vedendola tutta bionda e gentile, tutta piccola e graziosa, tutta fine e giovanile, con un gran cappello di merletto crema, col vento che sollevava e gonfiava la molle stoffa, in quella veste le aveva dato, il più buono, il più onesto, il più innamorato de’ suoi adoratori, le aveva dato il soprannome poetico e quasi fragile di madame la marquise. Dinnanzi al tessuto chiaro e morbido su cui si delineavano delicatamente i fiorellini rosei, Emma Lieti vedeva risorgere nella sua immaginazione la sola figura degna di uomo, incontrata, nella vita, quel Giovanni Serra dai fieri occhi d’un azzurro d’ac-