Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Nino Stresa 13


più arido cuore. Io mi incamminavo a uno strano viaggio, come colui che, per una via oscura e malfida, discende sotterra, cercando nelle profondità la miniera che lo deve arricchire: e non ha per sè che la speranza del prezioso tesoro che va a ricercare, non ha per sè che la fiducia in una illusione. L’uomo che mi amava, per carattere e per temperamento mi spiaceva, violando tutte le idealità invincibili del mio cuore, calpestando tutti gli istinti di elevatezza a cui si era educata e legata per sempre la mia anima: ma io mi lusingava, fortemente, di non conoscere l’ultima verità dell’essere di Nino Stresa. L’ultima verità, la suprema di un uomo, si conosce nell’amore corrisposto, nelle ore estreme della passione: tutto il resto è, o può essere, bugia. Questa fu l’illusione che io mi feci e a cui mi afferrai, dandomi all’amore di Nino Stresa. O, forse, volli ingannarmi da me stessa, non resistendo più al mio amore per lui, amore nato dai contrasti, dalla curiosità, dalla debolezza, dall’abbandono di tutte le mie forze morali. Decidete voi. Forse,